Sofia Vasheruk

Sofia Vasheruk
Russia, pianoforte

Sofia Vasheruk nasce a Mosca nel 1988 e inizia lo studio del pianoforte all’età di 3 anni.
Pochi mesi dopo si iscrive alla Gnesin Russian Academy of Music di Mosca e a soli 6 anni inizia ad esibirsi in Germania come solista e pianista accompagnatrice. Continua gli studi presso il Chopin Music College di Mosca sotto la guida di A. Traub e K. Knorre. In seguito si perfeziona in Olanda con Michail Markov al Conservatorio ArtEZ di Enschede, laureandosi nel 2014 con il massimo dei voti. Nello stesso periodo frequenta il corso quadriennale presso la Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida della celebre pianista e didatta Elisso Virsaladze. Si aggiudica moltissimi premi in concorsi pianistici nazionali e internazionali. Vince il Premio Speciale al Concorso “N. Rubinstein” di Mosca (2000), il Primo Premio e il Premio Speciale al Concorso Internazionale “A. Dumortier” in Belgio, il Terzo Premio e il Premio Speciale dei giovani finalisti al Concorso “S. Thalberg” di Napoli (2008) e il Primo Premio al Concorso Internazionale di Rodi (2009). Nell’estate 2013 è tra i finalisti del prestigioso Concorso “F. Busoni” di Bolzano e a novembre vince il Terzo Premio al Concorso della “Young Pianist Foundation” di Amsterdam, il più importante concorso pianistico olandese, eseguendo il Concerto n. 1 per pianoforte e orchestra di Cajkovskij. Sofia Vasheruk si esibisce in sale prestigiose, sia in recital che come solista con importanti orchestre come la Noor Nederlands Orkest diretta da S. Asbury nella Sala Grande del “Muziekgebouw aan’t IJ” e la Russian National Orchestra diretta da V. Sinaisky nella Sala Cajkovskij della Filarmonica di Stato di Mosca. Ha suonato inoltre nella Sala Grande del Conservatorio di Mosca e del Conservatorio di Bruxelles. La sua passione per il repertorio pianistico francese e per quello russo l’ha portata ad affrontare i principali capolavori di C. Debussy, S. Rachmaninov, F. Poulenc, M. Ravel, S. Prokofiev e A. Scriabin. Oltre all’attività solistica, si dedica assiduamente alla musica da camera, collaborando con il pianista Andrey Nesterenko, il violinista Paul Medeiros, il baritono Daniel Herman Mostert, la flautista Valeria Miller e il tenore Yaroslav Abaimov. Nel 2008

I concerti di PianoEchos ’’17

Piero Rattalino